libretto

Altre Prestazioni

 
     
 

L'ASSEGNO PER CONGEDO MATRIMONIALE

 
 


Aggiornamento al
07.02.2000
 

 

Vai immediatamente a...

Vai a...

Informazioni Generali

Pensioni

Pensioni Internazionali

Notizie Utili ai Pensionati

Fondi Speciali

Contributi Individuali

Contributi Aziendali

Menu

  CHE COS'

  A CHI SPETTA

  L'IMPORTO

  CHI PAGA

  I DOCUMENTI

  IL RICORSO


CHE COS'

Vai a inizio pagina

  
un assegno che viene concesso in occasione di un congedo matrimoniale di 8 giorni.
  

A CHI SPETTA

Vai a inizio pagina
      
  Ai lavoratori, non aventi qualifica impiegatizia, dipendenti da aziende industriali, artigiane e cooperative (compresi gli apprendisti e i lavoratori a domicilio) e al personale di bassa forza dell'armamento libero (sottufficiali e comuni) che alla data del matrimonio possono far possono far valere un rapporto di lavoro di almeno una settimana
  
  all'operaia ed al marittimo che si dimettano per contrarre matrimonio
   
  ai lavoratori che, ferma restando l'esistenza del rapporto di lavoro, non sono comunque in servizio per malattia, sospensione dal lavoro, richiamo alle armi, ecc...
  
  ai lavoratori e ai marittimi disoccupati che alla data del matrimonio possano far valere un rapporto di lavoro di almeno 15 giorni nei novanta precedenti il matrimonio
  
  ai marittimi in servizio militare che possano far valere un rapporto di arruolamento di almeno 15 giorni nei 90 precedenti la data di richiamo alle armi ovvero la data di ultimazione del servizio di leva.
  

Vai a...

Informazioni Generali

Pensioni

Pensioni Internazionali

Notizie Utili ai Pensionati

Fondi Speciali

Contributi Individuali

Contributi Aziendali

Menu

L'assegno spetta ad entrambi i coniugi quando l'uno e l'altra vi abbiano diritto.
  

L'IMPORTO

Vai a inizio pagina

  
L'assegno pari a 7 giorni di retribuzione (8 giorni per i marittimi) ed calcolato sulla base della retribuzione percepita nell'ultimo periodo di paga (ultimi due periodi di paga per i lavoratori dell'industria e artigianato retribuiti a settimana).
  

CHI PAGA

Vai a inizio pagina

  
L'assegno corrisposto dai datori di lavoro per conto dell'INPS all'inizio del periodo di congedo.
L'azienda chiede poi il rimborso all'INPS, entro un anno dalla data dei singoli pagamenti.
Ai lavoratori disoccupati o che si trovano sotto le armi, viene pagato dall'INPS.
  

I DOCUMENTI

Vai a inizio pagina

  
I lavoratori devono presentare la copia del certificato di matrimonio al datore di lavoro entro 60 giorni successivi il matrimonio.
In caso di pagamento da parte dell'INPS, la domanda di assegno con la copia del certificato di matrimonio deve essere presentata entro 1 anno.
  

IL RICORSO

Vai a inizio pagina

  
Nel caso in cui la domanda venga respinta, l'interessato pu presentare ricorso, in carta libera, al Comitato provinciale dell'INPS, entro 90 giorni dalla data di ricezione della lettera con la quale si comunica la reiezione.
Il ricorso, indirizzato al Comitato Provinciale, pu essere:
  

  presentato agli sportelli della Sede dell'INPS che ha respinto la domanda
  
  inviato alla Sede dell'INPS per posta con raccomandata con ricevuta di ritorno
  
  presentato tramite uno degli Enti di Patronato riconosciuti dalla legge.
  

Al ricorso vanno allegati tutti i documenti ritenuti utili per l'accoglimento del ricorso stesso